Ascolta 20 Years of Placebo" su Spreaker.

La band di Brian Molko e Stefan Olsdal è tornata in Italia per festeggiare vent’anni di carriera ed è più in forma che mai


Sono passati vent’anni da quando due ragazzi poco più che ventenni si incontravano nella metropolitana di South Kensington. Da allora sono successe tante cose. 7 dischi, un’apparizione indimenticabile al festival di Sanremo e quasi 11 milioni di copie vendute.
Della formazione originale sono rimasti Brian Molko e Stefan Olsdal, orfani prima del batterista Steve Hewitt e successivamente del suo sostituto Steve Forrest.

Il concerto si apre con i maxi schermi che trasmettono un omaggio a Leonard Cohen, scomparso qualche giorno fa. Subito dopo partono le note di “Every You Every Me”, il palco è vuoto ma gli schermi proiettano frammenti di vecchi video, riprese dal vivo e materiale di backstage che ripercorre la storia del gruppo, con le date degli anni che si seguono velocemente per poi fermarsi al 2016.

La backing band è già pronta sul palco. Mancano solo Stefan e Brian che pongono fine all’attesa suonando le prime note di “Pure Morning”, il pubblico esplode.

Brian Molko ha più volte affermato di non amare particolarmente i successi più commerciali della band e detestare di suonarli dal vivo, ma che in questo tour avrebbero trovato spazio tutti. Un compleanno in cui sono i Placebo a fare il regalo. Un regalo ai fan che non ascoltavano brani come “Nancy Boy” da più di dieci anni.

La scaletta non si discosta da quelle proposte nelle date precedenti del tour, ma è d’effetto e scorre velocemente. Oltre ad essere un frontman incredibile, Brian Molko dimostra di essere un comunicatore. Non perde occasione per intrattenere il pubblico, per parlarci, parla di ambiente, dell’inquinamento, della superluna ma anche dell’uso eccessivo degli smartphone: “Molti di voi oggi hanno scelto di guardare il concerto attraverso una piccola gabbia: uno schermo. Questa è una vostra scelta, non possiamo fermarvi. Fatelo pure: perdetevi tutto il concerto, filmatelo, portatevelo a casa e riguardatevelo. Si vedrà e si sentirà di merda”.

Brian Molko è ancora capace di combattere i propri fantasmi con la stessa rabbia degli esordi, in “Without You I’m Nothing” gli schermi proiettano le immagini della collaborazione della band con David Bowie ed è sicuramente uno dei momenti più intensi della serata, alla fine il Duca Bianco viene salutato con un “Grazie David”.

Dopo un momento malinconico, è il momento di fare festa, perchè altrimenti che compleanno sarebbe? E così la conclusione non può che essere un’incredibile rincorsa fino alla fine, con “Special K”, “A Song to Say Goodbye” e “The Bitter End”.
Ovviamente c’è spazio per ben due bis – “Teenage Angst”, “Nancy Boy” e “Infra Red”. Sugli schermi, un pacchetto di sigarette con la faccia di Donald Trump e la scritta “Nuoce gravemente a te e a chi ti sta intorno”.

La band risale sul palco per regalare un altro pezzo al pubblico “Running Up That Hill” cover di Kate Bush che si conclude con feedback e noise. I Placebo ringraziano e il pubblico non smette di urlare ed applaudire.

La band ha bisogno del contatto con il suo pubblico e lo lascia promettendo di ritornare presto in Italia, sempre se, come ha detto Brian, non ci sarà un’apocalisse ambientale prima del prossimo disco.


Scaletta:

Pure Morning

Loud Like Love

Jesus’ Son

Soulmates

Special Needs

Lazarus

Too Many Friends

Twenty Years

I Know

Devil in The Details

Space Monkey

Exit Wounds

Protect Me From What I Want

Without You I’m Nothing

36 degrees

Lady of the Flowers

For What It’s Worth

Slave to the Wage

Special K

Song to Say Goodbye

The Bitter End

Teenage Angst

Nancy Boy

Infra-red

Running Up That Hill


Scritto da:

Melanie Gemelli

Load More Related Articles
  • Brand New: Six Impossible Things

    I Six Impossible Things sono Nicole e Lorenzo e suonano insieme dal 2014. Il duo in brevis…
  • Brand New: BNQT

    I BNQT (ovvero “Banquet”) sono un supergruppo “indie”. La band nasce da un’idea di Eric Pu…
  • Brand New: Adam Kills Eve

    Gli Adam Kills Eve sono una band di Firenze che dal 2006 mescola sonorità screamo/rock e p…
Load More By rayradio
Load More In Live

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *